Loading...

Forza muscolare e longevità: il ruolo dell’allenamento della forza

Forza muscolare e longevità:

il ruolo dell’allenamento della forza

Una buona forza muscolare è associata a numerosi benefici per la salute e longevità. L’allenamento di forza può essere una misura efficace per ridurre il rischio di mortalità.

Nel 2015 gli investigatori tedeschi hanno pubblicato una rassegna narrativa di studi che affrontano il ruolo della forza muscolare come predittore di mortalità (5). Quattordici studi epidemiologici soddisfacevano i criteri di studio e tutti riferivano che un aumento del livello di forza muscolare era significativamente associato con una mortalità per tutte le cause più bassa. Lo stesso modello è stato osservato per la mortalità cardiovascolare. Gli studi esistenti non hanno dimostrato che la bassa forza muscolare era predittiva della mortalità per cancro.

La forza di presa è una misura semplice ed economica della forza muscolare complessiva. La forza di presa è una misura semplice ed economica della forza muscolare complessiva. Di solito viene eseguito da un dinamometro idraulico Jamar in grado di misurare la forza di presa isometrica con eccellente affidabilità e riproducibilità (6).

Lo studio prospettico di epidemiologia urbano-rurale (PURE) è un ampio studio longitudinale di popolazione condotto in 17 paesi con reddito e contesti socioculturali diversi. I partecipanti allo studio sono stati valutati per la forza di presa. I risultati di questa parte dello studio sono stati pubblicati su Lancet nel 2015 (7).

Nel corso di un follow-up mediano di quattro anni, la bassa forza di presa è stata associata a mortalità per qualsiasi causa, mortalità cardiovascolare, mortalità non cardiovascolare, infarto del miocardio e ictus. La bassa forza di presa era un predittore più forte di mortalità per tutte le cause e cardiovascolare rispetto alla pressione arteriosa sistolica.

È stato suggerito che la forza di presa potrebbe agire come biomarcatore dell’invecchiamento nel corso della vita (8).

LEGGERE  Chiarezza colesterolo o più disparità

I risultati dello studio PURE suggeriscono certamente che la funzione del muscolo scheletrico è un componente importante di salute, invecchiamento e longevità.

Forza muscolare e obesità Anche se siamo nel bel mezzo di un’epidemia di obesità, concentrarsi sul peso corporeo e sull’indice di massa corporea (BMI) può essere fuorviante.

Naturalmente, ci sono dati che mostrano una forte associazione tra eccesso di adiposità e aumento del rischio di malattie cardiovascolari e mortalità precoce (9).

Tuttavia, prove sostanziali suggeriscono che una maggiore forma aerobica può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e morte associate all’obesità. In una meta-analisi pubblicata nel 2014, gli individui in sovrappeso e in forma obesa avevano rischi di mortalità simili ai normali individui in forma di peso (10). Pertanto, il ruolo dell’esercizio fisico per il trattamento dell’obesità non dovrebbe essere minimizzato (11).

Un recente studio ha testato l’associazione tra forza di presa, obesità e mortalità (12). Nell’analisi sono stati utilizzati i dati di 403.199 partecipanti allo studio sulla biobanca del Regno Unito. Il follow-up mediano è stato di sette anni.

Nel complesso, una maggiore forza di presa è stata associata a un rischio di mortalità dell’8% inferiore.

Al contrario, le misure di adiposità avevano un’associazione incostante con la mortalità, sebbene l’obesità grave (BMI> 35) e l’obesità addominale fossero forti predittori di mortalità, indipendentemente dalla forza di presa.

Il rischio di mortalità era più alto per uomini e donne con la più bassa forza di presa e le più alte misure di obesità. È interessante notare che le persone obese con maggiore forza di presa avevano un rischio di mortalità inferiore o simile rispetto alle persone non obese con forza di presa inferiore.

LEGGERE  Dieta o farmaci per prevenire le malattie cardiache.

Gli autori di questo articolo molto interessante traggono tre importanti conclusioni:

Uomini e donne con maggiore forza di presa avevano minori rischi di mortalità, indipendentemente dall’adiposità.

Forza muscolare e longevità

Sebbene l’eccessiva adiposità di per sé presenti un rischio sostanziale di mortalità, il rischio associato all’adiposità in eccesso è stato ridotto, sebbene non completamente eliminato, attraverso una maggiore forza di presa.

Nel complesso, i risultati forniscono razionali convincenti per lo sviluppo di interventi e politiche per migliorare la forza muscolare e ridurre l’eccessiva adiposità per ridurre al minimo il rischio di mortalità.

L’allenamento di forza è associato ai benefici della mortalità? L’associazione tra forza di presa e mortalità non fornisce la prova che l’allenamento di forza migliora la salute e la longevità. Sebbene i dati epidemiologici disponibili siano affidabili, non può dire se esiste una relazione causale tra forza muscolare e mortalità.

Ovviamente, gli studi randomizzati sugli effetti dell’allenamento della forza sulla mortalità sono difficili da eseguire. Ci sarebbe un alto rischio di crossover tra i gruppi. Inoltre, sarebbe necessario uno studio approfondito per confermare se esiste o meno un beneficio per la mortalità.

In un articolo pubblicato nel 2016, gli investigatori statunitensi hanno scoperto che tra una grande coorte di adulti di età pari o superiore a 65 anni, la mortalità per tutte le cause era significativamente inferiore tra gli individui che si erano allenati regolarmente (13). Questo era vero dopo aver corretto i fattori di confondimento.

Pertanto, gli anziani che praticano l’allenamento della forza non solo migliorano le loro condizioni fisiche, ma anche il loro tasso di sopravvivenza. Tuttavia, proprio come altri studi di coorte, questo studio ha una capacità limitata di determinare causa ed effetto.

I possibili meccanismi alla base degli effetti dell’allenamento della forza Potrebbero esserci diversi motivi per cui l’allenamento della forza e la forza di presa sono associati alla longevità.

LEGGERE  19 Importanti cause di affaticamento - Spiegazione della stanchezza e dell'affaticamento cronico

L’allenamento di resistenza può contrastare il declino legato all’età della massa muscolare e della forza (sarcopenia) che è caratterizzato da una diminuzione delle proteine ​​contrattili e da un eccessivo accumulo lipidico intra-antracellulare (14).

Forza muscolare

L’allenamento della forza migliora anche la coordinazione e l’equilibrio neuromuscolare. Ciò può ridurre il rischio di lesioni da cadute che spesso forniscono gravi minacce per la salute agli anziani.

Inoltre, l’allenamento di resistenza aumenta la massa ossea e la densità minerale e riduce il rischio di osteoporosi, che è un problema globale di salute pubblica.

È stato dimostrato che il muscolo scheletrico agisce in molti modi come organo endocrino. Le cellule muscolari scheletriche producono citochine (miocine) che possono aiutare a combattere l’infiammazione e mantenere la normale funzione corporea. Pertanto, i myokine possono contribuire alla protezione indotta dall’esercizio contro diverse malattie croniche (15).

L’allenamento di forza può anche migliorare i fattori di rischio cardiovascolare come la pressione sanguigna, i lipidi nel sangue e la resistenza all’insulina.

Il messaggio da portare a casa Esistono prove schiaccianti che la forza muscolare e l’allenamento della forza sono associati a numerosi benefici per la salute e ad una maggiore aspettativa di vita.

Gli anziani che praticano l’allenamento della forza non solo migliorano le loro condizioni fisiche, ma anche il loro tasso di sopravvivenza.

Gli individui obesi con maggiore forza muscolare hanno minori rischi di mortalità, indipendentemente dall’adiposità.

L’allenamento di resistenza contrasta il declino legato all’età della massa e della forza muscolare, migliora l’equilibrio e la coordinazione e riduce il rischio di osteoporosi.

L’allenamento di forza può anche ridurre la resistenza all’insulina e migliorare la pressione sanguigna e i lipidi nel sangue.

Tagged : # # # #

Scotti Saverio